Andrea Purgatori

Andrea Purgatori

Giornalista professionista (1974). Master of Science, Graduate School of Journalism, Columbia University (1980). Redattore (Il Mezzogiorno, 1972/1974; il Tempo 1974/1975). Caporedattore, inviato speciale (Corriere della Sera, 1976/1998): terrorismo, intelligence, criminalità organizzata, corrispondente di guerra (Africa, Medio Oriente, Balcani; 1982/1998): condirettore (Left, 2007). Collaboratore: Bbc radio (dal 1982); Micromega (dal 1998); L’Unità (2005/2006); Vanity Fair (dal 2008). Autore e conduttore di reportage e programmi televisivi (RaiUno, RaiDue, RaiTre, RaiSat 1978/2003). Membro dell’Efa (European film academy) e dell’accademia del cinema italiano (David di Donatello). Membro dell’Assemblea e del Comitato di vigilanza della Siae (dal 2004). Membro del board di Greenpeace (2001-2009); Docente di Tecnica dell’inchiesta (Luiss, dal 1998-2008).

Narrativa/Saggistica/Coautore: La Piovra 5 (Rizzoli, 1991); A un passo dalla guerra (Sperling& Kupfer, 1995); Il bello della rabbia (Baldini & Castoldi, 1998): I segreti di Abu Omar (Ambra/Fandango-Bur/Senzafiltro, 2007).

Cinema/Sceneggiatore – Spettri (1986), Maya (1987), Panama Sugar (1990), Il muro di gomma (1991, Festival di Venezia, sel. ufficiale), Nel continente nero (1992), Il giudice ragazzino (1994, Festival di Berlino, sel. ufficiale/Blue Ribbon Award), Segreto di Stato (1995), Last cut (1998), Il fantasma di Corleone (2004), Fortapàsc (2009, candidato a Nastro d’Argento e Ciak d’oro per la sceneggiatura, vincitore del Premio Elsa Morante Cinema, vincitore del Premio internazionale Sergio Amidei per la migliore sceneggiatura), Vallanzasca - Gli angeli del male (2011), L’industriale (2011).

Televisione/Sceneggiatore – La madre inutile (RaiDue 1996; Premio Italia, selezione ufficiale), Vite blindate (RaiUno 1998), Iqbal (RaiUno 1998, Montecarlo film festival, sel. ufficiale/Premio del pubblico; Banf film festival, sel. ufficiale; Monaco tv film festival, sel. ufficiale; New Dehli tv film festival, sel. ufficiale), Fine secolo (RaiDue, 1999), La vita cambia (RaiUno, 2000), Sospetti (RaiDue, 2000), L’attentatuni (RaiDue, 2001), Il terzo segreto (RaiDue, 2001), Un caso di coscienza (RaiDue, 2003), Attacco allo Stato (Canale 5, 2005), Un caso di coscienza/2 (RaiUno, 2006), Fratelli (RaiUno, 2006), Petrosino (RaiUno, 2006), Nati ieri (Canale 5, 2007), Graffio di Tigre (RaiUno, 2007), Operazione pilota (RaiUno, 2007), Caravaggio (RaiUno 2007, Roma Fictionfest, evento; Golden Chest award, best tv film; Montecarlo film festival, nomination for best actor; Shangai Film Festival, 4 nominations included best screenplay), L’amore proibito (RaiDue 2007, Roma Fictionfest, selezione ufficiale), Un caso di coscienza/3 (RaiUno, 2008), Il bambino della domenica (RaiUno 2008); Lo smemorato di Collegno (RaiUno 2009), Un caso di coscienza/4 (RaiUno, 2010), Lo scandalo della Banca Romana (RaiUno, 2010 , Fipa d’oro per la migliore sceneggiatura al Festival di Biarritz, giuria presieduta da Tahar Ben Jelloun); Il bandito e il campione (RaiUno, 2010); Mia madre (RaiUno, 2010).

Radio – Coautore: Jack Folla (RadioDue 2001/2002), Zombi (Radio24, 2005).

Teatro – Coautore: Teatro Civile (con Marco Paolini, RaiTre 2004).

Satira – Autore: Il caso Scafroglia (con Corrado Guzzanti/RaiTre, 2003), Non c’è problema (con Antonio Albanese/RaiTre, 2003)

Attore - Fascisti su Marte (Ambra Fandango, 2006); Boris (Fox Italia, 2008); Riprendimi (2008); Due vite per caso (2010)

Nastro d'argento, miglior soggetto (Il muro di gomma, 1992), Premio Crocodile - Altiero Spinelli (1992), Premio Hemingway (1993), Premio Cinema per la pace (Il muro di gomma, 1993), Premio Cinema e società (Il muro di gomma/Nel continente nero, 1993), Globo d'oro, migliore sceneggiatura (Il giudice ragazzino, 1994), Premio Chinnici (1999), Premio Colombe d’Oro per la pace (2001), Premio Elsa Morante Cinema (Fortapàsc, 2009), Premio Internazionale Sergio Amidei per la migliore sceneggiatura (Fortapàsc, 2009).

Promotori

patrocini

Sostenitori

sponsor tecnici